Poster Pubblicati nel XIII Numero

Img

 TUTTI I POSTER NEL XIII Numero

FIBER-TRACKING TECHNIQUE: Neuroimaging anatomico dei sistemi associativi, commissurali e dei collegamenti proiettivi.

DOSIMETRIA DEL PAZIENTE IN CTCA: CONFRONTO FRA DIVERSI IMPIANTI TC E TECNICHE ANGIOGRAFICHE CONVENZIONALI

STUDIO DEI PARKINSONISMI CON 123I-IOFLUPANO SPECT. L’INFLUENZA DEL SET-UP E DELL’ORBITA DI ACQUISIZIONE SULLA VALUTAZIONE SEMI-QUANTITATIVA DEI DATI

DIFFERENZIAZIONE DELLE CARTILAGINI ARTICOLARI POST TRAPIANTO CON MAPPATURA T2

RADIOCHIRURGIA STEREOTASSIA: IL CYBERKNIFE

ENTERO TC



 

 Download Intero Numero Rivista (XIII)

 

 

 

 

 

FIBER-TRACKING TECHNIQUE: Neuroimaging anatomico dei sistemi associativi, commissurali e dei collegamenti proiettivi

Img

 

Titolo Articolo: FIBER-TRACKING TECHNIQUE: Neuroimaging anatomico dei sistemi associativi, commissurali e dei collegamenti proiettivi

 

Francesco SCIACCA, Ph.D. Ricerca Clinica e Traslazionale in Neuroscienze e Oncologia – Collaboratore Professionale Sanitario TRM, U.O.C. Radiologia Territoriale, A.S.P. di Siracusa

 

Abstract

 

La ricostruzione dei singoli fasci di sostanza bianca in vivo è stata a lungo una entità virtuale per la Diagnostica per Immagini; la loro individuazione, infatti, è stata da sempre possibile solo negli studi anatomici post-mortem o in vivo grazie ai segni indiretti, come la perdita selettiva di alcune funzioni cerebrali per processi patologici o interventi chirurgici che danneggiavano i fasci lungo il loro decorso infiltrandoli, comprimendoli o tranciandoli. 

 

Solo negli ultimi anni con lo sfruttamento dell’effetto BOLD, rilevato con sequenze eco-planari GE pesate in T2*, negli studi di Risonanza Magnetica funzionale e la misura dell’anisotropia frazionaria lungo gli assoni, rilevato con sequenze EPI nella trattografia, si è potuta avere una visualizzazione in vivo delle stazioni di “partenza, intermedie e di arrivo” dei vari fasci (RM funzionale) o la ricostruzione 3D e 2D dell’intero tragitto di ogni singolo fascio di sostanza bianca (trattografia). Per questo motivo la valutazione della possibilità di realizzare un piccolo atlante dei principali fasci di fibre nervose del nevrasse con macchine RM da 1,5 T è stata effettuata ricostruendo i fasci di fibre di giovani adulti sani e dal confronto di ogni singolo tratto del percorso dei suddetti fasci con quello documentato dagli studi anatomici, su cadaveri, riportati nei principali atlanti di neuroanatomia.

 

Download articolo completo

 Download Intero Numero Rivista (XIII)

 

 

 

 

 

IMPLEMENTAZIONE DELLA PROCEDURA DI DOSIMETRIA INTERNA NELLA TERAPIA RADIOMETABOLICA DELL'IPERTIROIDISMO

Img

 

Titolo Articolo: IMPLEMENTAZIONE DELLA PROCEDURA DI DOSIMETRIA INTERNA NELLA TERAPIA RADIOMETABOLICA DELL'IPERTIROIDISMO

 

Autore: TSRM Dott. Marco Tarenghi Collegio TSRM di Bergamo

 

 

PAROLE CHIAVE: Dosimetria interna – Terapia radiometabolica – Ipertiroidismi – Captazione tiroidea – Scintigrafia tiroidea

 

KEYWORDS: Internal dosimetry – Radiomethabolic therapy – Hyperthyroidisms – Nuclear Medicine – Thyroid uptake test – Thyroid scintigraphy

 

 

 

L'autore ha voluto sperimentare l'implementazione, nell'ambito della terapia radiometabolica con 131I, di una procedura che permettesse di valutare la dose ricevuta dal tessuto tiroideo in funzione dell’attività somministrata.

 

Il lavoro è stato condotto presso l’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove la terapia radiometabolica per il trattamento degli ipertiroidismi è una procedura ben consolidata ma che viene eseguita con la somministrazione di un’attività di 131I standardizzata.

 

Per ciascun paziente considerato è stato effettuato uno studio dosimetrico al fine di determinare, attraverso il metodo MIRD, un’attività personalizzata di 131I da somministrare per la cura.

 

Nell'elaborato sono poi stati confrontati i valori così ottenuti con quelli standard, per dimostrarne la convenienza.

 

Download articolo completo

 Download Intero Numero Rivista (XIII)

 

 

 

 

 

RADIOTERAPIA ESTERNA DELLA MAMMELLA: TECNICHE DI TRATTAMENTO E APPROCCIO DEL TSRM CON LA PAZIENTE, DALLA SIMULAZIONE ALLA TERAPIA

Img

 

Titolo Articolo: RADIOTERAPIA ESTERNA DELLA MAMMELLA: TECNICHE DI TRATTAMENTO E APPROCCIO DEL TSRM CON LA PAZIENTE, DALLA SIMULAZIONE ALLA TERAPIA

 

Autore: TSRM Dott.ssa Veronica Foppa 
Collegio TSRM di Bergamo

 

PAROLE CHIAVE:Radioterapia 3D-Conformazionale; Radioterapia a Intensità Modulata; comunicazione e ascolto. 

 

KEYWORDS: 3D-Conformal Radiotherapy; Intensity Modulated Radiotherapy; communication and listening. 

 

 

 

 

 

 

Le cure finalizzate a debellare il tumore della mammella hanno sempre più un intento conservativo dell’organo. Il carcinoma mammario occupa, tra le donne, il primo posto in termini di frequenza, rappresentando il 29% di tutte le nuove diagnosi tumorali. L’80% di queste pazienti fa riferimento ai Centri di Radioterapia Italiani, pertanto la radioterapia assume un ruolo importante nel trattamento, venendo in genere affiancata alla chirurgia conservativa. L’evoluzione tecnologica ha portato ad un progressivo evolversi anche nel trattamento radioterapico con le tecnologie 3D-CRT e IMRT. Oltre all’ottimizzazione delle tecniche terapeutiche, di fondamentale importanza è il miglioramento del percorso radioterapico della paziente, dove il TSRM assume un ruolo rilevante; la precisione nel lavoro che svolge è indispensabile sia nella TC di simulazione che durante le sedute radioterapiche. La professionalità, la cura ai dettagli e il rispetto della persona e della sua malattia sono elementi che non solo migliorano il percorso terapeutico delle pazienti anche dal punto di vista psicologico, ma fanno la differenza.

 

Treatments whose aim is to wipe out breast cancer are more and more intended to preserve the organ. Breast cancer, among women, is at the first place in frequency terms, since it represents 29% of all tumoral diagnosis. 80% of the patients refer to Italian Radiotherapy Centers, therefore the field of radiotherapy plays an important role in the treatment, being generally supported by conservative surgery. Technological evolution has led to a progressive development also in the radiotherapic treatment with 3D-CRT and IMRT technologies. As well as therapeutic techniques optimization, the improvement of radiotherapeutic path of the patients is essential, and  the radiotherapy technologist takes up a very important role in this way; the precision in the work he carries out is necessary both in simulation TC and during the whole treatment. Professionalism, care of details and respect of each person and her disease are elements which psychologically improve the therapeutic path, making the difference.

  

Download articolo completo 

 Download Intero Numero Rivista (XIII)

 

 

 

 

 

AITRI is ISRRT full member

Img

 

Titolo Articolo: AITRI is ISRRT full member

 

Autore: AITRI

 

Abstract

 

Download articolo completo

 Download Intero Numero Rivista (XII)

 

 

 

 

 

Joomla templates by a4joomla